Incontro a Brindisi con sei donne profughe afghane

L'impressionante racconto del rischio di essere donne sotto il regime talebano

Riuscito e molto partecipato l’incontro con le sei attiviste afghane a Brindisi organizzato dal coordinamento donne Spi, da Auser, da Io Donna e da Anpi. Le donne sono arrivate attraverso un corridoio umanitario e sono state accolte da Arci Lecce che ha fatto in modo che fossero ospitate da famiglie leccesi poiché solo dopo un anno possono essere accolte nei centri di accoglienza. Sono donne sole e impegnate, in molti casi a rischio di violenze e di uccisione. Sono giornaliste, poliziotte, studentesse, attiviste, esponenti politiche: raccontandosi, tutte ci hanno chiesto di diventare noi la loro voce e che il governo talebano non sia riconosciuto dagli Stati Europei. Hanno raccontato le condizioni di vita delle donne e i rischi che corrono, per il solo fatte di essere donne. Il dibattito è stato caratterizzato da numerosi, appassionati interventi. Le donne del sindacato e delle associazioni organizzatrici hanno regalato loro piccoli doni simbolici: si è respirato un clima di solidarietà e sorellanza come in un grande abbraccio.

Dona il 5xmille
Filo d'Argento

Una presenza amica vicina agli anziani più soli e fragili.
Vivere in modo attivo la vecchiaia, restando il più a lungo possibile a casa propria, nel proprio quartiere...

continua
Genius Loci

Genius Loci è il titolo del volume edito da Contrasto e anche della prima mostra delle fotografie di Roberto Cotroneo.
L'obiettivo di Cotroneo cattura le persone dentro uno spazio espositivo

continua